Quanto è importante rilassarsi ed essere sereni e tranquilli per riuscire a prendere sonno?

Ognuno di noi trova il proprio modo per prepararsi al sonno e se questa fase pre nanna è molto importante per qualsiasi adulto, per i più piccoli di casa, lo è ancora di più.

Se per noi adulti in genere un buon libro, una tisana calda o un bagno rilassante possono essere davvero utili per lasciarsi alle spalle i ritmi della giornata e addormentarsi più sereni e tranquilli, cosa può facilitare l’addormentarsi dei bambini?

Innanzitutto bisogna tenere sempre conto che i bambini non vivono solo le loro avversità e piccole sfide quotidiane, ma sono influenzati anche dagli stati d’animo, stress e irrequietezza di noi adulti e se è vero che hanno bisogno di un ambiente calmo e tranquillo in cui rilassarsi prima di andare a dormire, questo dipende molto da noi. Inoltre un buon sonno ha delle implicazioni importanti sulla qualità del giorno dopo ed è importante anche che il quantitativo di ore di sonno sia adeguato.

Come possiamo allora fare per aiutarli a rallentare i ritmi e ad entrare nella modalità nanna con più serenità?

Ci sono tanti piccoli gesti che possono essere un valido aiuto per noi e per i nostri figli per fare si che prendere sonno sia più facile e naturale, ma anche e soprattutto, che il sonno notturno sia più profondo e ristoratore.

I bambini amano le azioni ripetute fin dalla più tenera età e la routine specifica pre nanna va creata da subito dopo la nascita.

Cosa si intende per routine pre nanna?

Un susseguirsi di azioni sempre uguali che dovrebbe prevedere lo spegnimento delle luci in casa e di tutti gli apparecchi elettronici, tv, radio, un bagnetto serale o la lettura di un libro insieme sotto le coperte, per i più piccini una poppata completa e se mamma e papà se la sentono anche il canto di una ninna nanna.

Una nenia da cantare solo in quel momento per fare si che venga collegata dal bambino all’ora del sonno.

In pratica creare una serie di segnali che il nostro bambino posso riconoscere ogni sera e che lo aiutino a predisporsi alla nanna serenamente.

Non esiste il perfetto rituale della nanna, esistono tanti modi diversi a seconda del bambino e sta a noi trovare quello giusto.

ATTENZIONE! Tablet, telefonino e videogiochi alla sera prima di andare a letto hanno un’azione sull’equilibrio della melatonina!!!

La prima conseguenza è che la qualità del sonno diminuisce nettamente!!!! La melatonina è un ormone che regola il ciclo sonno-veglia, quando questo ciclo viene perturbato si riduce la fase del sonno REM. Con una diminuita fase REM si ha un sonno difficile e agitato, l’atonia dell’attenzione il mattino dopo,  possibili cefalee, stato di malessere comprovato, agitazione e irrequietezza. Ne consegue poi una difficoltà maggiore di attenzione e concentrazione anche a scuola.

È meglio dedicare la nostra attenzione a questo momento così importante per il bambino magari cominciando con il mettere il pigiama, oltre al bagnetto, allo spegnimento delle luci e alla lettura per creare un ancoraggio al sonno importante. Per i più piccoli lo è anche il ciuccio o il peluche preferito da tenersi vicino.

Le azioni compiute prima di mettere a nanna il bambino devono essere sempre le stesse.

Generalmente, si possono riassumere così: gioco tranquillo insieme, bagnetto, cambio pigiamino, poppata, lettura, ciuccio, nanna.

Siate costanti.

Soprattutto all’inizio cercate di non uscire da questo schema, che va ricreato ovunque voi siate.

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti dal nostro Bloom & Blog.

Ti sei iscritto con successo!

Pin It on Pinterest

Share This