A tornare indietro con la memoria, ci ricordiamo pavimenti splendenti, vetri perfettamente puliti, bucati profumati stesi al sole ad asciugare e odori semplici e naturali tipici delle case delle nostre nonne.

Come facevano le nostre nonne a pulire la casa senza l’uso di mille detersivi industriali? Eppure io ricordo la casa della mia nonna sempre linda e perfetta!

Non è che ai tempi, prima dell’avvento dei vari prodotti specifici per ogni macchia diversa e per ogni superficie o materiale, le cose fossero poco pulite. Certi bucati, per esempio, erano anche più bianchi di quelli di oggi. Se pensiamo alle  lenzuola e tovaglie di lino, magari anche ricamate…duravano anni ed erano perfettamente splendenti dopo i lavaggi.

La domanda che vale la pena porsi quindi è: come facevano? Quali erano i loro segreti?

Tecnica, esperienza e detergenti semplici fatti in casa, da loro!

Autoprodurre i detersivi per la pulizia di tutta la casa con ingredienti ecologici e naturali vi piacerà più di quanto immaginiate!

Oltre ad essere un momento in cui facciamo qualcosa di diverso dal solito, avremo da questa autoproduzione svariati vantaggi: sia economici che di risultati finali…garantito!

Cosa significa rinunciare ai detersivi industriali?

Scegliere di essere responsabili della produzione dei propri detergenti per la casa, i piatti e il bucato, significa, prima di tutto, migliorare la qualità della propria vita a casa.

Significa non doversi mai più caricare di pesanti flaconi quando ci si reca al supermercato, significa inquinare di meno la propria casa e l’ambiente, significa risparmiare in termini di denaro e di salute e non da meno, la soddisfazione di aver fatto un nuovo passo verso la propria autosufficienza domestica.

Autosufficienza…una condizione molto importante da raggiungere in un’epoca come questa in cui, a causa dell’influenza pubblicitaria e del mercato, siamo spesso portati a credere che ci serve comprare e consumare questo genere di prodotti industriali, per avere una casa davvero pulita e profumata.

L’agricoltura stagionale e a Km zero è un’economia di consumo eco-sotenibile in chiara controtendenza alla globalizzazione e all’industrializzazione delle grandi multinazionali.

L’aspetto di primaria importanza che riguarda l’ambiente è uno dei più importanti da tenere in considerazione. I saponi e i detersivi industriali, infatti, oltre a lasciare un involucro di plastica una volta finiti, inquinano l’ambiente, sono chimici (a volte non sono neanche completamente ecologici quelli che vengono definiti tali) e spesso non offrono reali risultati soddisfacenti.

I detersivi autoprodotti in casa, invece, sono biodegradabili al 100% e risolvono in modo definitivo il problema dei flaconi di plastica da smaltire.

Prova anche tu a seguire i consigli delle nonne per una pulizia ecologica ed efficace, con le ricette dei loro detersivi fatti in casa che ti offriamo di seguito!

Un armadio per le pulizie ecologico e bio al 100%:

Ecco una lista di prodotti naturali, per nulla o pochissimo tossici nei confronti della salute e dell’ambiente. Tutti entrano o possono entrare a far parte della composizione di ricette per le pulizie. 

  • Aceto bianco di alcol (o di vino)
  • Aceto di mele
  • Sale grosso
  • Scaglie di sapone (di marsiglia o altro sapone neutro)
  • Bicarbonato
  • oli essenziali per profumare

Pulizia dei pavimenti:

Aceto e acqua calda oppure alcool sono ottimi per detergere e far brillare le piastrelle di casa.

I pavimenti di legno o marmo possono essere efficacemente lavati con acqua e sapone di Marsiglia e per ottenere una profumazione più intensa basta aggiungere olio essenziale di lavanda, bergamotto, eucalipto o pino, che diffonderanno in tutto l’ambiente un aroma piacevole e fresco.

In erboristeria si può trovare facilmente il sapone vegetale neutro in scaglie, facile da sciogliere nell’acqua.

Per un parquet impeccabile è interessante anche questa ricetta:

– 60ml di bicarbonato

– 120ml di aceto bianco di alcol (o di vino)

Mescolare il bicarbonato con l’aceto e 5 cucchiai di acqua, intingere lo straccio e passarlo sul parquet. Lasciar asciugare senza sciaquare. Anche in questo caso è possibile aggiungere qualche goccia di un olio essenziale di vostra scelta.

Pulizia del bagno:

Un’ottima abitudine per avere un bagno sempre in ordine e pulito consiste nel lasciare meno oggetti possibili in giro.

Quotidianamente, passa una spugna imbevuta con alcool, aceto o un detergente a base di oli essenziali igienizzanti e sgrassanti come per esempio timo, limone e tea tree, potrai ottenere uno spray fai da te con cui disinfettare piastrelle e ceramiche senza rinunciare a un fresco profumo di pulito.

Lascia cadere qualche goccia di olio essenziale di lavanda nel cartone interno del rotolo di carta igienica, diffonderà un piacevole aroma naturale.

Il bicarbonato è un potente nemico del calcare, da usare contro i suoi depositi e per prevenirli. È anche un antimicotico, ottimo, quindi, da usare per l’igiene in bagno!
Una volta a settimana strofinate il lavabo con una spugna inumidita e cosparsa di bicarbonato, poi risciacquate bene con acqua tiepida.

Pulizia dei vetri:

Le giornate nuvolose risultano essere le migliori nella scelta della pulizia delle finestre per allontanare il rischio di aloni provocato dal sole!

I vecchi giornali costituiscono un materiale perfetto per pulire i vetri in modo efficace, oggigiorno, però, ci sono anche i panni in microfibra che sono molto interessanti per pulire anche i vetri.

Usa due spugne, una per le parti più pulite come il vetro e una per i serramenti. Se i vetri sono molto sporchi spolverali prima di iniziare.

Un semplice spray con acqua calda e aceto può costituire un rimedio efficace e semplice per pulire a fondo e senza aloni. Eventualmente si può aggiungere anche un po’ di bicarbonato, ecco come procedere:

– 3 cucchiai di bicarbonato
– 250ml di aceto
– 750ml di acqua
Mescolare bene l’aceto con il bicarbonato e con l’acqua. Versare la soluzione nel nebulirratore e spruzzare la superficie dei vetri. Asciugare poi con un panno asciutto.

Pulizia del forno:

Regola numero uno: pulire subito!

Sembrerà banale, eppure avere questa semplice accortezza può facilitare le pulizie, permetterà di fare meno fatica e terminare in poco tempo.

Prendi l’abitudine di passare subito una spugna con acqua calda e per pulire il forno efficacemente aggiungi succo di limone o aceto bianco, questi ingredienti aiuteranno a sgrassare lasciando un buon profumo di pulito.

Per lo sporco incrostato scalda il forno, poi spruzza le pareti con acqua e aceto, aggiungendo una manciata di sale sulla base, infine raccogli i residui con una spugna umida.

Pulizia del frigo:

Utilizzare una soluzione composta da 4 cucchiai di bicarbonato in un litro d’acqua. Disciolto nell’acqua è l’ideale anche per detergere le superfici che entrano in contatto con gli alimenti come il tagliere e il lavello e per igienizzare frutta e verdura. È ottimo anche per la pulizia dei pavimenti.

Pulizia dei fornelli:

I prodotti che utilizziamo per le pulizie sono potenti, generano molto inquinamento e troppo spesso vengono usate quantità eccessive. Sul piano cucina e i fornelli è sufficiente una spugna bagnata con acqua calda! Se ti abitui ad agire subito, mentre cucini, l’acqua potrà essere sufficiente e mantenere pulito sarà più facile e veloce. 

Se desideri uno spray sgrassante unisci in un flacone acqua, bicarbonato e aceto bianco, ottimo per l’acciaio. 

Aggiungendo qualche goccia di olio essenziale di bergamotto, eucalipto o lavanda otterrai una profumazione deliziosa.

Pulizia della moka:

Se il filtro della moka non funziona a dovere prima di acquistarne uno nuovo prova a posizionarlo per un attimo sulla fiamma: in questo modo brucerai gli eventuali residui. 

È bene evitare detersivi per la pulizia della moka, tuttavia è importante lavarla con attenzione, anche perché il calcare può dare al caffè un cattivo sapore. 

Immergi la moka in una pentola di acqua e aceto, poi strofina le parti esterne con uno spazzolino vecchio bagnato con acqua e sale fino: per detergere l’interno prepara una soluzione di acqua e aceto con cui far partire la moka per un caffè… dall’effetto pulente!

Articolo di Stella Bellomo e Barbara Lupi

Potrebbero interessarti anche gli articoli:

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti dal nostro Bloom & Blog.

Ti sei iscritto con successo!

Pin It on Pinterest

Share This