Hai già sentito parlare di PNL o di Programmazione Neurolinguistica? Ti interessa comprendere questo interessantissimo metodo che potresti utilizzare per conoscerti meglio, evolvere e migliorare i risultati che ottieni ogni giorno nella tua vita?

Le varie tecniche di PNL sono fondate sulle modalità di funzionamento del nostro cervello e della nostra psiche, sono semplici ed immediate e ti permettono di rendere la tua vita più completa e ricca, permettendoti di cambiare in modo fluido aspetti di te che non ti piacciono o che vanno contro i tuoi reali desideri…

Quindi, se ti abbiamo stuzzicato con queste prime righe ti invitiamo a metterti comodo/a e a continuare la lettura di questo articolo con noi!

Che cos’è la PNL e com’è nata?

La PNL, o Programmazione Neurolinguistica, è un metodo di formazione e crescita individuale messo a punto da un gruppo di terapeuti e linguisti americani, il cui obiettivo è sempre stato quello di elaborare un insieme di tecniche di auto-sviluppo, capaci di apportare vantaggi concreti e positivi a breve e lungo termine, nella vita delle persone.

Di tutte le persone, sia adulti che bambini! 

Ideata in California negli anni 70 del XX secolo da Richard Bandler e John Grinder, la Programmazione Neurolinguistica deriva il suo nome dall’idea che ci sia una connessione fra i processi neurologici (“neuro”), il linguaggio (“linguistico”) e gli schemi comportamentali appresi con l’esperienza (“programmazione”), affermando che questi schemi possono essere organizzati e scelti appositamente per raggiungere specifici obiettivi nella vita.   

In pratica lo studio approfondito di come si creano in modo naturale determinati automatismi del cervello, chiamati anche programmi mentali, durante l’arco della nostra vita, ha permesso di comprendere gli elementi fondamentali che definiscono il successo o il boicottaggio di determinati obiettivi che ci prefiggiamo.

È possibile ora, con l’applicazione di tecniche semplici, apportare quegli aggiustamenti che facilitano la strada verso il successo personale.

Puoi riprogammare il tuo cervello in modo consapevole:

L’Oxford English Dictionary descrive la PNL come “un modello di comunicazione interpersonale che si occupa principalmente della relazione fra gli schemi di comportamento di successo e le esperienze soggettive (in particolare gli schemi di pensiero) che ne sono alla base” e “un sistema di terapia alternativa basato su questo, che cerca di istruire le persone all’autoconsapevolezza e alla comunicazione efficace, e a cambiare i propri schemi di comportamento mentale ed emozionale”. 

Richard Bandler, in particolare, ha sempre sostenuto che gli esseri umani sono “letteralmente” programmabili, nello specifico che siamo la sola macchina che può programmarsi e auto-programmarsi da sola e che possiamo impostare programmi deliberatamente progettati e automatizzati che funzionano inconsapevolmente per occuparsi di noiose mansioni quotidiane, liberando così le nostre menti per fare altre cose più interessanti e creative. Non è incredibile? 

L’idea centrale della PNL è che la totalità dell’individuo interagisce nelle sue componenti (“linguaggio”, “convinzioni” e “fisiologia”), nel creare percezioni con determinate caratteristiche qualitative e quantitative: l’interpretazione soggettiva di questa struttura dà significato al mondo. Modificando i significati attraverso una trasformazione della struttura percettiva (detta mappa, cioè l’universo simbolico di riferimento), la persona può intraprendere cambiamenti di atteggiamento e di comportamento. La percezione del mondo, e di conseguenza la risposta ad esso, possono essere modificate applicando le opportune tecniche di cambiamento.

La PNL ha tra i suoi scopi, quindi, l’obiettivo di sviluppare abitudini, atteggiamenti e reazioni costruttive (che portano quindi al successo e al benessere), amplificando i comportamenti “facilitanti” (cioè efficaci) e diminuendo quelli “limitanti” (cioè indesiderati), portando la persona al raggiungimento della sua felicità, che è un po’ l’obiettivo di tutti noi.

È possibile utilizzare anche la strategia di “prendere ad esempio” le caratteristiche di persone conosciute che sono felici, che hanno successo o che hanno già raggiunto ciò che desideriamo per noi stessi. Si tratta quindi di provocare il cambiamento in noi stessi riproducendo (“modellando”) letteralmente, mettendo noi stessi in atto precisamente, per esempio, i comportamenti delle persone di successo allo scopo di creare un nuovo “strato” di esperienza (una tecnica chiamata modeling, o modellamento). Secondo gli autori, questa tecnica ha il potenziale di intervenire su difficoltà comportamentali in cui gli psicoterapeuti incorrono di frequente, quali fobie, depressione, abitudini ossessive, disturbi psicosomatici. 

La nostra mente è complessa ed affascinante, negli ultimi anni sono stati svolti moltissimi studi e tante ricerche hanno prodotto e portato interessanti nuove comprensioni e conoscenze. Di riflesso sono nate nuove tecniche potenti e rivoluzionarie, che sempre più stanno prendendo piede, soprattutto nel mondo delle persone che contano e nel mondo del business. 

Gli autori hanno sempre sostenuto che una singola sessione di Programmazione Neurolinguistica combinata per esempio con ipnosi potesse eliminare la miopia, e addirittura curare un comune raffreddore, e che combinando i metodi di PNL con la regressione ipnotica, una persona potesse non solo essere curata efficacemente da un problema, ma anche essere resa amnesica del fatto di avere avuto il problema stesso. 

Dopo una sessione di terapia, un fumatore riuscirebbe a negare di aver mai fumato prima, anche quando la sua famiglia e amici insistessero altrimenti e anche di fronte a prove come le macchie della nicotina. Il potenziale dell’autodeterminazione sovrasterebbe anche le limitazioni dell’istruzione.

Successivamente la PNL è stata promossa anche come “scienza di eccellenza”, derivata dallo studio di come persone di successo o eccezionali in campi differenti avrebbero ottenuto i propri risultati ed è stato asserito che queste abilità possono essere imparate da chiunque per migliorare la propria efficacia sia personale, sia professionale.

I principi operativi della Programmazione Neurolinguistica:

La Programmazione Neurolinguistica si presenta a tutti gli effetti come una filosofia operativa che tutti possono utilizzare per migliorare la loro vita personale e professionale.

L’aspetto più importante è che tu sia pronto a modificare te stesso e il tuo comportamento quando non riesci ad ottenere i risultati desiderati. Potenzialmente tutti possono tutto, bisogna solo essere in coerenza sui vari piani e strati di noi stessi. Spesso conscio, subconscio, inconscio (cioè le varie parti della mente) non sono in accordo, inoltre, a complicare le cose capita pure che siano discordanti fra di loro mente, cuore e spirito.

Questo significa che spesso razionalmente pensiamo di volere qualcosa, poi in realtà osservando più in profondità c’è una parte di noi che proprio non lo vuole. Altre volte, invece, non siamo nemmeno in chiaro di ciò che desideriamo, perché troppo concentrati su ciò che non vogliamo. 

Grazie alla PNL che sfrutta i meccanismi di apprendimento del cervello e quelli funzionali come le mappe, le convinzioni, i modelli e i costrutti mentali puoi apportare velocemente dei cambiamenti nei tuoi programmi e modellarli in modo tale che ti sia più semplice raggiungere la felicità e una vita che valga la pena di essere vissuta. 

Gli esercizi che propone la PNL possono essere da un lato focalizzati sul positivizzare elementi negativi o limitanti oppure dall’altro potenziare e rendere preponderanti modelli e atteggiamenti di successo, positivi e potenzianti. 

L’errore più comune, per esempio, di chi non riesce ad avere successo, è quello di non avere un obiettivo concreto e di vagare nel realizzarlo per tentativi. La PNL sottolinea l’importanza di vivere con finalità cosciente e che, per ottenere i propri obiettivi, è necessario agire e parlare in un modo specifico e funzionale agli obiettivi che vogliamo ottenere. Possiamo dire, quindi, che la PNL estende i limiti di ciò che è possibile e lo fa attraverso delle tecniche pratiche semplici e dirette, utilizzabili da tutti.

I primi passi per cambiare la tua vita:

I principi operativi su cui si basa la PNL sono quattro e sono tutti correlati ad una presa di coscienza e analisi dello stato attuale e della direzione che si vuole intraprendere realmente. La tendenza e l’aspetto onnipresente è la ricerca dell’eccellenza e il costante miglioramento di sé.

Ecco i punti cardinali: 

  • Definire chiaramente i risultati che vuoi ottenere, essere in chiaro su cosa desideri.
  • Avere una lucida comprensione di dove sei rispetto a dove vorresti essere e analisi degli eventi.
  • Avere un comportamento flessibile.
  • Agire immediatamente, non procrastinare.  

Definire i risultati che vuoi ottenere. Il primo passo per raggiungere un obiettivo consiste nel definire lo stesso obiettivo in modo chiaro e preciso. L’importanza di conoscere in partenza il risultato che si vuole ottenere è uno dei punti cruciali della PNL. Secondo i fondatori di questo metodo, molte persone non riescono ad ottenere quello che vogliono, fondamentalmente perché non sono consapevoli dei loro obiettivi, in altre parole pur sapendo cosa non vogliono, non hanno un’idea precisa di cosa vogliono. 

La loro vita, sia privata che professionale, si basa sostanzialmente sull’allontanarsi dalle cose che non vogliono, senza però avvicinarsi a quelle che vogliono. La PNL sottolinea invece l’importanza di muoversi verso ciò che si desidera, movimento senza cui la vita diventa solo un viaggio senza meta. 

Tieni a mente che solo dopo che il risultato che vuoi ottenere è stato definito in modo chiaro diventa possibile. 

Avere una lucida comprensione degli eventi. Una volta che si conosce l’obiettivo da raggiungere, è necessario disporre della lucidità mentale e sensoriale necessaria per sapere se ci si sta avvicinando ad esso oppure no. La PNL insegna prima di tutto a leggere i messaggi che provengono dalle altre persone in modo non verbale. Oltre alla postura, al tono della voce, alla mimica facciale e così via, che sono tutti aspetti che fanno parte del linguaggio non verbale, la programmazione neuro linguistica spiega che occorre interpretare i cambiamenti di posizione, tono muscolare, colore della pelle, dimensione delle labbra e tasso di respirazione. Tutti questi dati che provengono dall’analisi dell’altro ti fanno capire quale effetto stai avendo sulle persone con cui interagisci, ottenendo un prezioso feedback circa i tuoi risultati. Ovviamente, se questo feedback non andasse nella direzione desiderata, sarà utile e necessario modificare quanto prima qualcosa nel proprio comportamento. 

Avere un comportamento flessibile. La capacità di modificare il proprio comportamento è naturalmente alla base di questo metodo. Lo scopo di cambiare è certamente quello di ottenere la risposta, o feedback desiderato. Il concetto di fondo è il seguente: se quello che stai facendo non funziona, allora hai bisogno di fare qualcosa di diverso. Per poter adottare un comportamento flessibile è necessario utilizzare il proprio acume e la propria lucidità sensoriale per comprendere innanzitutto se quello che stai facendo ti sta portando nella direzione giusta oppure no. In caso di risposta affermativa, puoi continuare ad andare in quella direzione, in caso contrario sarà necessario modificare schema di comportamento o strategia. 

Agire immediatamente. Il quarto e ultimo principio operativo della PNL è quello di agire ora. Chi utilizza questo metodo deve fare proprio lo slogan del poeta latino Orazio “Carpe diem” (Cogli l’attimo): non c’è infatti tempo per l’inazione, di fronte ad una direzione sbagliata o un feedback che non corrisponde alle aspettative deve subito innescarsi il cambiamento, perché, non facendolo, questo potrebbe compromettere il risultato finale.

Articolo di Stella Bellomo e Barbara Lupi

Potrebbero interessarti anche gli articoli: