Negli ultimi anni, coltivare un orto in casa, sul terrazzo o sul balcone, è diventata progressivamente una pratica diffusa e sempre più apprezzata.

Una scelta all’insegna della sostenibilità e dell’auto-produzione, quella di coltivare ortaggi, frutta e verdura con le proprie mani!

“Mostrami il tuo giardino e ti dirò chi sei” Alfred Austin

Una pratica, quella dell’orto urbano, che non si rivela benefica solo per la salute e la qualità biologica di ciò che si decide di coltivare, ma che è capace di dare a chi la adotta grandi soddisfazioni e molto altro ancora!

Per iniziare non sono necessarie grandi competenze agricole, l’importante è essere motivati da una sincera passione, e non c’è bisogno di avere grandi giardini o maxi terrazzi, perché sono sufficienti vasi di recupero, cassetti smessi, pallet, fioriere, cassette di legno, contenitori fai da te, vaschette e bottiglie di plastica riciclate e qualsiasi altra idea possa essere adatta al fine di coltivare ortaggi in vaso.

Cosa serve per cominciare?

Per riuscire in questa semplice impresa green avete bisogno:

– di scegliere le piante giuste,

– di qualche dritta su come coltivarle e dei giusti accorgimenti.

L’orto in casa è grande e impegnativo solo quanto e se lo decidiamo noi.

Possiamo decidere le sue dimensioni e anche la scelta degli ortaggi o della frutta dipendono unicamente da noi.

Per chi non se la sente di avviare una grande produzione agricola urbana, una buona idea per iniziare potrebbe essere quella di coltivare erbe aromatiche, frutti di bosco, insalate e fiori commestibili. Si avrà così la possibilità di mettersi alla prova imparando con i propri tempi, senza fretta!

Le spese di messa in opera dell’orto casalingo, possono essere ridotte al minimo riciclando vasi, cassette e altri contenitori già presenti in casa, garage o cantina al posto di acquistarne di nuovi.

Quali sono i vantaggi dell’orto in casa?

1. Possibilità di disporre di frutta, erbe aromatiche e verdura biologiche, fresche e di stagione.

2. Essere più ecologici e sostenibili.

3. Abbassare i livelli di stress psico-fisico.

4. Migliorare la qualità del proprio tempo libero.

5. Condividere con i piccoli di casa un’esperienza non solo divertente, ma soprattutto utile ed educativa capace di interessarli e trasmettere loro il valore dell’ecologia, del rispetto e dell’amore.

photo credit by greenme.it

La possibilità di insegnare ai propri  figli le leggi della natura in modo che possano conoscerla, amarla e rispettarla è un aspetto da tenere in seria considerazione.

Altri vantaggi sono anche:

6. Permettere un risparmio nella spesa alimentare familiare, escludendo le spese iniziali di avviamento dell’attività e una minima spesa di gestione.

7. Avere infiniti gradi di impegno e sviluppo.

8. Svolgere una leggera, ma pur sempre rilevante attività fisica.

Articolo di Stella Bellomo per Bloom Sisters Sagl

Potrebbero interessarti anche gli articoli:

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti dal nostro Bloom & Blog.

Ti sei iscritto con successo!

Pin It on Pinterest

Share This