Esistono tanti rimedi naturali che possono aiutare ad alleviare rossori e bruciori in caso di scottature o eritemi solari.

In special modo nel periodo estivo capita di incorrere in una sovra esposizione solare, adulti, bambini, un po’ tutti, con l’entusiasmo delle belle giornate e delle vacanze, restiamo più ore sotto il sole.

Per evitare però di incorrere in queste problematiche della pelle è molto importante prevenire e prendere il sole correttamente, magari seguendo i 10 consigli utili per proteggere la pelle che trovi nel nostro articolo sull’esposizione solare.

Siccome passiamo più tempo all’aperto e sotto il sole la pelle reagisce all’aumento di esposizione ai vari raggi producendo un aumento di melanina per proteggersi. I primi giorni, naturalmente, sono i più critici e spesso la pelle presenta dei rossori che possono variare d’intensità, fino a diventare anche fastidiosi o dolorosi.
Può capitare che senza accorgersi in tempo si superi il limite e si abbiano delle conseguenze spiacevoli.
Vediamo di approfondire cosa può causare una aumentata esposizione al sole, di capire dai vari sintomi cosa succede e cosa possiamo fare per aiutare il nostro corpo.

I raggi solari, se assorbiti in quantità moderata, possono essere un importante alleato della nostra salute in quanto apportano una serie benefici per l’organismo. Per esempio, sono essenziali per la sintesi della vitamina D (allo scopo basta stare al sole anche solo 20 minuti al giorno), e sono utili anche per il trattamento di diverse patologie e migliorano, inoltre, il tono dell’umore e l’attività cardiocircolatoria.

Se, però, l’esposizione al sole è eccessivamente prolungata e senza adeguati fattori di protezione, i raggi UV diventano rapidamente dei nemici: possono lasciare in regalo antiestetiche macchie cutanee e a lungo termine favoriscono l’invecchiamento della pelle e la formazione di rughe. 

L’insolazione:

L’insolazione o colpo di sole è un eccessivo aumento della temperatura corporea con conseguente vasodilatazione e calo della pressione, dovuto alla prolungata esposizione ai raggi solari.

SINTOMI E CAUSE:

Il primo sintomo di un’eccessiva esposizione diretta al sole è solitamente il mal di testa, accompagnato da sete, nausea e sudorazione.

Talvolta si manifesta anche con marcata eruzione cutanea accompagnata da prurito.

L’aggravamento dell’insolazione si manifesta con l’insorgenza di vertigini, febbre molto alta – oltre 40°C – e spasmi muscolari.

Qualche volta si confonde l’insolazione con il  colpo di calore (ipertermia): nelle giornate caldo umide e in assenza di adeguata ventilazione, può succedere che il corpo non riesca a disperdere il calore attraverso la sudorazione. Il colpo di calore è più grave dell’insolazione, in quanto il corpo perde la capacità di autoregolare la sua temperatura.

A causa di questo, può verificarsi un aumento della temperatura corporea con una serie di sintomi del tutto simili a quelli del colpo di sole ma in realtà molto diversi nella causa! 

La sostanziale differenza tra insolazione e colpo di calore è la causa: nel caso del colpo di calore la motivazione è l’eccessivo caldo, nell’altro l’azione delle radiazioni solari soprattutto sulla testa.

Entrambi i casi vanno comunque trattati con attenzione!

In presenza di uno o più sintomi di ipertermia chiamare immediatamente i soccorsi, perchè si tratta di una condizione di emergenza che se non curata può condurre a gravi conseguenze, fino alla morte.

Nell’attesa comportarsi come segue:

  • Portare la vittima in un’area ombreggiata e fresca.
  • Rimuovere i vestiti per favorire la dispersione termica.
  • Raffreddare rapidamente la vittima, utilizzando qualsiasi metodo possibile, come ad esempio
    • immergendola in una vasca d’acqua fresca (il metodo può essere controproducente se l’acqua fosse troppo fredda e l’organismo va comunque costantemente monitorato),
    • sottoporla a una doccia fresca,
    • spruzzare la vittima con acqua fresca da una pompa da giardino,
    • effettuare spungnature con acqua fredda,
    • se l’umidità è bassa, avvolgere la vittima in un lenzuolo fresco e bagnato.
  • Controllare la temperatura corporea e continuare con i tentativi di abbassamento fino a raggiungere una temperatura inferiore ai 39°.
  • Evitare il consumo di alcool, mentre è utile reidratare la vittima con acqua e bevande isotoniche.

La scottatura solare:

Le scottature solari sono anch’esse il risultato di un’esposizione eccessiva e prolungata ai raggi del sole senza un’adeguata protezione.

Un’eccessiva esposizione al sole può provocare scottature solari soprattutto in caso di pelle chiara e delicata oppure quando la pelle non viene protetta nel modo corretto.

In questo caso, l’azione dei raggi ultravioletti provoca una scottatura della pelle che si manifesta soprattutto con arrossamento, bruciore e prurito.

PRINCIPALI CAUSE:

Le principali cause delle scottature solari e spesso anche dei vari eritemi solari sono senza dubbio dovute a:

 

  1. Esposizione troppo prolungata
  2. Protezione dal sole non corretta
  3. Crema protettiva di scarsa qualità
  4. Pelle chiara e delicata
  5. Azione dei raggi ultravioletti

Dobbiamo tenere sempre in considerazione la tipologia di pelle! Le pelli chiare e delicate, o quelle dei bambini, sono le più soggette alle scottature solari, anche se non sono le uniche, e per questo bisogna stare molto attenti soprattutto nei primi giorni di esposizione.

Anche se è comprensibile che chi ha pelle chiara e capelli chiari deve esporsi al sole con maggiore attenzione, chi ha la pelle più scura, ma si espone al sole per la prima volta dopo molti mesi di ‘digiuno solare’ dovuto alla stagione fredda e alle proprie abitudini quotidiane, deve ugualmente stare molto attento!

Attenzione: le scottature solari che compaiono a causa dell’azione prolungata dei raggi ultravioletti sulla nostra pelle e quando quest’ultima non è protetta a sufficienza, possono manifestarsi già dopo mezzora di esposizione al sole, soprattutto in caso di sole molto forte, pelle delicata e creme solari di bassa qualità o basso fattore di protezione!

PRINCIPALI SINTOMI:

I sintomi delle scottature solari sono semplici da riconoscere soprattutto perché quando compaiono si è consapevoli di aver trascorso molto tempo sotto il sole o di non aver protetto la pelle in modo adeguato.

Per gli eritemi solari la questione è un po’ diversa e lo vedremo meglio in seguito!

I sintomi delle scottature solari sono solitamente i seguenti e possono comparire tutti o solo alcuni a seconda dell’importanza della scottatura o della reazione soggettiva: 

  1. Arrossamento della pelle
  2. Bruciore diffuso
  3. Prurito
  4. Pelle molto calda al tatto
  5. Febbre
  6. Brividi
  7. Nausea
  8. Capogiri
  9. Desquamazione della pelle
  10. Formazione di bolle e pustole anche acquose

 Se compaiono questi sintomi probabilmente siete in presenza di una scottatura solare che può essere più o meno grave.

Attenzione: se la scottatura solare vi sembra molto estesa e compare febbre alta, soprattutto nel caso dei bambini, vi consigliamo di rivolgervi al medico, al pediatra o alla guardia medica.

Non bisogna mai sottovalutare le conseguenze e i rischi delle scottature solari, soprattutto se si è soggetti di frequente a questo problema perché le scottature solari ripetute non fanno bene alla pelle e possono avere conseguenze anche serie.

RIMEDI NATURALI PER LE SCOTTATURE SOLARI:

Sono davvero numerosi i rimedi naturali che possiamo mettere in pratica in caso di scottature solari per alleviare prurito, bruciore e rossore!

In primo luogo è necessario raffreddare la parte arrossata, come per una normale scottatura, per fermare l’azione della bruciatura che continua a livello sottocutaneo. Consigliamo quindi dei bagni freschi allevianti in acqua tiepida (assolutamente evitare l’acqua troppo fredda e il ghiaccio) alla quale puoi aggiungere dell’amido di riso, oppure mezzo bicchiere di bicarbonato di sodio.

La pelle, inoltre, quando subisce un danno termico perde la sua normale idratazione.
Molto importante è quindi bere molti liquidi. Bisogna prestare particolare attenzione ai bambini che vanno più facilmente incontro a disidratazione!

In seguito puoi passare all’applicazione locale di creme, lozioni, gel o pomate per idratare anche a livello locale e/o fare degli impacchi con altri rimedi naturali per aiutare la tua pelle a ristabilirsi.

In questo senso, la nostra Bloom Pomade è un alleato ideale che aiuta la tua pelle più velocemente e allevia presto il bruciore e il prurito.

Ecco alcuni esempi di semplici ricette:

Impacco all’aloe vera:

Una soluzione davvero rinfrescante e rigenerante. Puoi applicare il gel di aloe vera su tutta la zona arrossata, per un effetto maggiormente fresco puoi riporlo una mezzoretta in frigo prima di apporlo.

Impacco allo yogurt:

Tra i rimedi naturali, lenisce il bruciore e ripara le cellule danneggiate dai raggi UVB lo yogurt. Deve essere bianco e di buona qualità, puoi anche farlo tu in casa e poi è da applicare sulle zone scottate.

Impacco di olio di cocco:

L’olio di cocco è un fantastico alleato della pelle, basta che sia biologico e privo di profumazioni di sintesi. Puoi intingere dei batuffoli di cotone con dell’olio di cocco e applicarli sulle zone arrossate.

Infine evita o comunque fai molta attenzione ad esporti nuovamente al sole fino a che la tua pelle non è completamente ristabilita.

L’eritema solare:

Nel caso di eritema solare non siamo di fronte necessariamente ad una sovraesposizione dei raggi solari, ma piuttosto ad un’eruzione allergica dovuta ad un fattore intollerante.

Gli eritemi che compaiono in assenza di scottature o esposizione prolungata sono spesso da collegare alla composizione della crema. 

Come è stato riscontrato molto chiaramente negli ultimi anni, infatti, molte creme solari contengono metalli, parabeni e sostanze chimiche potenzialmente dannose e che possono avere un impatto allergenizzante per molte tipologie di pelle.

La sensibilità a questi ingredienti viene poi aggravata con l’esposizione al sole.

Per questo motivo, quando si va in farmacia a chiedere un rimedio, propongono creme al cortisone o con azione antistaminica e consigliano di smettere completamente di esporsi al sole per risolvere il problema.

In special modo molte persone hanno delle intolleranze ai metalli presenti nelle creme e che forniscono la protezione solare. In questo caso l’unica cosa che si può fare è ricorrere a creme che utilizzino la protezione data dagli oli essenziali anziché dai metalli. Un esempio è la crema solare della Remedia. Sarà necessaria poi una minore esposizione diretta al sole e una più frequente applicazione della crema.

Scegli solari di alta qualità e controlla sempre INCI e derivazione degli ingredienti in essi contenuti.

RIMEDIO NATURALE PER ALLEVIARE I FASTIDIOSI SINTOMI DELL’ERITEMA:

Uno dei rimedi della nonna più conosciuti per l’eritema solare è rappresentato dall’applicazione di fettine di patate, di bucce di patata o di patate grattugiate sulla pelle irritata. L’amido contenuto nelle patate ha un’azione lenitiva sulla pelle e la rinfresca. 

Anche gli impacchi suggeriti pocanzi per le scottature possono essere interessanti per alleviare i sintomi dell’eritema solare.

Articolo di Stella Bellomo e Barbara Lupi

Potrebbero interessarti anche gli articoli:

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti dal nostro Bloom & Blog.

Ti sei iscritto con successo!

Pin It on Pinterest

Share This