Il pavimento pelvico è un muscolo importantissimo che viene spesso sottovalutato. La sua azione va ben oltre quello che la maggior parte delle donne pensa. In generale viene conosciuto in modo più approfondito in gravidanza, ma il suo ruolo è fondamentale per tante altre situazioni.

Nonostante si sappia che ogni parte del nostro corpo è ugualmente importante e svolga una sua funzione specifica, ci sono organi e muscoli che sono inevitabilmente e giustamente correlati a sfere non solo fisiche, ma anche emotive, e non sempre è facile parlarne apertamente.

Ci sono parti di noi stessi più intime di altre, più personali e che, soprattutto noi donne, talvolta abbiamo difficoltà a esternare.

Essere una donna è stato in passato, in alcuni contesti più che in altri, un fattore discriminante e una possibilità di subire abusi e maltrattamenti a diversi livelli.

Oggi, fortunatamente, non è più così marcato come allora, ma per certi aspetti è ancora un tabù o comunque difficile: riuscire a esprimere la propria femminilità, il proprio intimo e personale essere donna, completamente e liberamente, non è ancora del tutto semplice.

Rispetto, considerazione, valore, uguaglianza, diritti personali.

Ogni donna, come ogni uomo, merita di essere amata, rispettata e tutelata in ogni fase della sua vita.

Merita di attraversare le diverse stagioni della propria esistenza consapevolmente e supportata da un ambiente aperto e totalmente rispettoso di lei.

Un primo passo sulla strada dell’essere una donna sicura e consapevole potrebbe essere quello di conoscere meglio noi stesse.

Il nostro corpo.

La nostre caratteristiche.

I nostri diritti.

Le nostre possibilità.

Riprendersi il proprio potere femminile è anche sapere chi siamo veramente.

Dovremmo sempre essere libere di esprimere non solo la nostra sicurezza ma anche le nostre perplessità, i nostri dubbi e le nostre insicurezze, se ne abbiamo, sapendo di avere il giusto supporto.

Quindi, perché è così importante il pavimento pelvico per il benessere di ogni donna? Dove si trova e a cosa serve? Vediamo di rispondere a queste domande e farvi conoscere meglio questo muscolo femminile.

Approfondiamo insieme la conoscenza di questo muscolo speciale:

La regione muscolare conosciuta come pavimento pelvico è una parte del corpo femminile di cui si parla poco ma che è fondamentale per la salute e il benessere di ogni donna.

Il pavimento pelvico è un’area romboidale che chiude il bacino verso il basso e svolge innanzitutto la funzione di sostenere gli organi pelvici come l’utero e la vescica.

Il contenimento di tali organi necessita dell’integrità del sistema muscolo-fasciale di sostegno e della sua innervazione, questo anche quando la donna è in posizione eretta o esegue attività fisiche come il semplice camminare, che comportano uno sforzo, quindi un aumento della pressione endoaddominale.

Il pavimento pelvico è stato fino a poco tempo fa quasi del tutto ignorato per diversi motivi:

  • Si tratta di un’area relativamente “nascosta” del nostro corpo. Un’area, compresa fra le cosce, che non vediamo e di cui non ci preoccupiamo.
  • Per il luogo in cui è posizionato, è stato poco tenuto in considerazione a causa di pudori sociali e tabù culturali che hanno inevitabilmente contribuito a renderlo ancora più ignorato.

    Esso rappresenta di fatto sia la regione chiave della defecazione e della minzione che quella della sessualità.

La stessa medicina ha raggiunto solo di recente una maggiore conoscenza e comprensione della sua centralità, del suo profondo ruolo e del suo articolato significato.

Solo da poco, ad esempio, si è cominciato a indagare e studiare approfonditamente e su larga scala la prevenzione delle lacerazioni perineali durante il parto e delle conseguenze dell’episiotomia (L’episiotomia è un’operazione chirurgica che consiste nell’incisione chirurgica del perineo e della parete posteriore della vagina per allargare l’orifizio vaginale e dunque indirettamente il canale del parto).

Si è iniziata a diffondere una maggiore attenzione, teorica e pratica, nei confronti di prolassi e incontinenza femminile.

Da poco si riconosce la giusta dignità ed efficacia ai cosiddetti approcci riabilitativi “conservativi”. Approcci che spesso sono in grado di integrare o addirittura evitare i tradizionali interventi di tipo chirurgico o farmacologico.

Non parliamo poi della sessualità femminile, cui solo da qualche decennio – e non sempre in modo compiuto – viene riconosciuto un significato ludico e relazionale oltre che riproduttivo.

Non meraviglia allora che il pavimento pelvico sia stato lungamente cancellato o travisato.

È  fondamentale avere a riguardo le giuste informazioni sia in ambito preventivo che terapeutico e riabilitativo.

La tutela del pavimento pelvico passa soprattutto dalla capacità di ogni donna di riconoscerlo e attivarlo in modo automatico durante lo svolgimento delle azioni quotidiane.

Da un semplice starnuto, a un colpo di tosse, ad uno sforzo fisico, sono tutti gesti che – aumentando la pressione interna – sollecitano questa parte del corpo e ne richiedono la giusta preparazione e controllo.

Perché si indebolisce il pavimento pelvico?

Svariate abitudini portano ad un indebolimento di questo muscolo, in special modo al giorno d’oggi, dove il movimento e l’esercizio fisico non sono più così presenti.

Prima di tutto è indispensabile sapere che la posizione eretta grava su tutto il pavimento pelvico! Stare in piedi fa sì che i muscoli debbano sostenere il peso di tutti  i nostri organi e di conseguenza anche i muscoli  del pavimento pelvico si indeboliscano, ancora di più se si è in sovrappeso.

Inoltre lo stare seduti per molte ore, spesso in posizione sbagliata con le gambe incrociate e con la schiena piegata in avanti, fa sì che la zona perineale si atrofizzi. Allo stesso modo, abitudini  sbagliate come portare molti pesi o non fare attività fisica, disturbi come la stitichezza o particolari condizioni che ti portano ad assumere antidepressivi possono indebolire il pavimento pelvico.

Cause e conseguenze della perdita di tonicità per la donna:

È chiaro, a questo punto, che il pavimento pelvico bisogna conoscerlo e averne cura. Un pavimento pelvico indebolito può provocare diversi disturbi come:

incontinenza urinaria

prolassi

disfunzioni sessuali

dolore lombare

È sbagliato pensare alla rieducazione del perineo solo dopo il parto, poiché questo muscolo è molto sollecitato nella vita di una donna.

Fare degli esercizi per mantenerlo forte ed elastico garantisce una salute ottimale nel tempo e permette, in special modo, di ritardare di molto eventuali problemi di incontinenza e perdite urinarie,

Gli esercizi di Kegel per la donna:

Gli esercizi di Kegel sono delle semplici contrazioni da eseguire durante la giornata e servono per tonificare il perineo nella donna.

Esercizio base:

Puoi iniziare allenandoti in bagno con il famoso “stop-pipi”. Consiste nel bloccare il flusso della pipì per qualche secondo mentre urini. Questo semplice esercizio ti aiuta a prendere coscienza del tuo muscolo di Kegel! Una volta che ne hai coscienza, in posizione seduta, con la schiena dritta, prova a contrarre il muscolo del pavimento pelvico per almeno 5 secondi.

Ripeti le contrazioni eseguendo 3 serie da 15. E’ un esercizio semplice e pratico, da eseguire ovunque mentre lavori o mentre guardi la televisione, Ogni donna dovrebbe praticare come sana abitudine quotidiana.

Esercizio 2:

Distesa a terra  sulla schiena,  con le braccia  lungo il corpo, piega le gambe alzando le ginocchia. Spingendo sui piedi, solleva il bacino da terra con le ginocchia unite e tieni la posizione contraendo il perineo per 5 secondi.

Poi, espirando,  ritorna nella posizione di partenza. Ripetizioni: 3 serie.

Questo esercizio può essere fatto anche mettendo un pallone da palestra sotto i piedi, risulta ancora più efficace, in quanto il pavimento pelvico deve contrarsi maggiormente per aiutarci a mantenere l’equilibrio.

Esercizio 3:

In piedi, gambe divaricate alla larghezza del bacino, piega leggermente le ginocchia. Sistema una palla tra le gambe, a metà delle cosce, e cerca di avvicinare le ginocchia tra loro contraendo il perineo.

Mantieni la contrazione per 5 secondi. Esegui 3 serie

Esercizio 4:

In piedi, gambe tese, ruota le caviglie verso l’esterno e sistema una palla tra loro. Mantenendo le gambe tesissime cerca di stringere la palla tra le caviglie più che puoi. Tieni la posizione per 5 secondi. Esegui 10 serie.

FONTE melarossa.it

Articolo di Stella Bellomo per Bloom Sisters Sagl

Potrebbero interessarti anche gli articoli:

LE COPPETTE MESTRUALI

DOLORI MESTRUALI: TRE RIMEDI NATURALI PER ALLEVIARLI

I 1000 PIÙ UNO USI DI BLOOM POMADE

La Bloom Pomade viene molto usata prima e dopo il parto per elasticizzare e risanare il perineo e il pavimento pelvico!

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e aggiornamenti dal nostro Bloom & Blog.

Ti sei iscritto con successo!

Pin It on Pinterest

Share This